Come si gioca a poker: regole, consigli, curiosità Come si gioca a poker: regole, consigli, curiosità
6 Dicembre 2018 260 0

Come si gioca a poker: regole, consigli, curiosità

/ / Come si gioca a poker: regole, consigli, curiosità

Come si gioca a Poker? Questa è una delle più scontate domande che si fanno coloro che desiderano avvicinarsi al mondo di questo avvincente gioco di abilità praticato in tutto il mondo. Oggi non è più necessario andare al casinò per giocare alle migliori varianti del Poker, visto che in rete esistono tantissime piattaforme legali che offrono dei servizi di gioco che mettono al primo posti le esigenze del giocatore.

Ma a prescindere dal fatto che il giocatore decida di giocare a Poker nel modo tradizionale oppure sul web, è importante che conosca le regole di questo gioco. Noi, oltre a fornire una panoramica sul regolamento del Poker, ci occuperemo anche di dare dei consigli utili per affrontare nei migliori dei modi il gioco e, infine, daremo spazio anche ad alcune curiosità provenienti dal mondo di questo affascinante skill game.

Come si gioca a Poker: le regole

Ogni variante del poker presenta delle regole proprie. A volte le regole sono diverse anche a seconda del luogo in cui si gioca Poker. L’obiettivo di questo gioco ad ogni modo è sempre quello di realizzare la migliore combinazione vincente possibile che consente di incassare il montepremi messo in palio e che nel gergo viene chiamato “piatto”. Quest’ultimo è dato dalla somma di tutte le giocate in denaro o in fiches effettuate dai giocatori presenti al tavolo di gioco.

Per quanto concerne il Poker Europeo, le combinazioni vincenti che possono essere realizzate, partendo dalla più bassa e proseguendo fino ad arrivare alla più alta, sono le seguenti: Carta più alta, Coppia, Doppia  Coppia, Tris, Scala, Colore, Full, Poker, Scala Colore, Scala Reale.

Quando si gioca alle varianti denominate Community Cards Poker, di solito il mazziere distribuisce ai partecipanti quattro carte (come per esempio nell’ Omaha) oppure soltanto due (quando per esempio si gioca al Poker Texas Hold’em). Al fine di realizzare una combinazione vincente, i giocatori hanno la possibilità di combinare le carte comuni poste al centro del tavolo, visualizzabili da tutti, con quelle private distribuite dal dealer. Dopo che i partecipanti al tavolo di gioco hanno ricevuto le carte, nelle diverse fasi che si susseguono il giocatore al tavolo dovranno effettuare delle puntate con fiche o denaro reale, se si gioca in versione cash game.

Consigli utili su come giocare al poker

Ai giocatori alle prime armi, che necessitano di allenarsi continuamente, dopo aver appreso le regole più comuni che riguardano il mondo del Poker, consigliamo di giocare gratuitamente all’interno di siti che propongono un ampio palinsesto delle più praticati varianti di questo card games. Siamo dell’idea che, per imparare come si gioca a Poker, sia importantissimo sfruttare massimo gli strumenti che ogni piattaforma per il Poker online mettono a disposizione degli utenti, i quali hanno la possibilità di allenarsi, usufruendo della versione con denaro virtuale che può essere utilizzato in maniera illimitata.

Sia quando è a casa e utilizza il proprio PC, sia quando ci si trova fuori e interagisce dal proprio Tablet o Smartphone, il giocatore ha la possibilità di fare pratica e di conoscere bene il contesto di gioco, entrare nei suoi meccanismi e padroneggiare sempre di più il gioco, fino ad affinare delle tecniche che sicuramente potranno tornare utili quando deciderà di iniziare a fare sul serio, utilizzando denaro reale per sfidare i giocatori di un certo livello con cui contendersi un montepremi di notevole valore.

L’opzione del gioco con “soldi finti” è consigliata non soltanto agli utenti che hanno bisogno di comprendere come si gioca a Poker ma anche giocatori più esperti che hanno la necessità di mettere a punto delle strategie studiate a tavolino e che ovviamente non possono essere sperimentate rischiando di subire delle perdite di soldi veri.

Altro consiglio, che riteniamo sia utile soprattutto per chi non sa nulla del mondo del Poker, è quello di non giocare tutte le mani. Si sa che quando si ha poca esperienza più si gioca e più aumenta il rischio di subire perdite. Forse è meglio rimanere a metà o poco più del totale delle mani che si possono giocare.

A volte i giocatori continuano a giocare per forza di inerzia, cioè anche quando non hanno nessuna idea delle probabilità di vincita che possono avere. Il problema è che pur essendo consapevoli di circa sconfitti da un tavolo da gioco, si rimane per la curiosità di vedere come si viene battuti.

Ma così non si fa altro che sprecare chips e soldi. Se da un lato il fatto di attendere che termini la partita per conoscere le carte dell’avversario e imparare qualcosa possa essere un aspetto positivo e anche per certi versi comprensibile, dall’altro se veramente si ritiene di non avere nulla di importante in mano, forse sarebbe meglio non continuare e abbandonare la partita per evitare uno spreco più o meno inutile di risorse.

Infine consigliamo di evitare di giocare si è di cattivo umore sia se si esperti sia se si ha la necessità di capire come si gioca a poker: è importante essere mentalmente rilassati e liberi da ogni pensiero che possa turbare per ottenere un buon rendimento. Il poker è un gioco di abilità e la concentrazione e la lucidità sono aspetti fondamentale per avere la meglio sui propri avversari!

Alcune curiosità sul poker

Il gioco del poker è nato in America, a quanto pare a New Orleans. Agli inizi dell’ottocento veniva giocato nel territorio della Louisiana dai francofoni che lo chiamavano “Poque”. Dopo l’annessione della Louisiana agli Stati Uniti d’America nel 1803, cambiò nome per chiamarsi Poker.

Nella fase iniziale della sua storia, il Poker veniva giocato utilizzando un mazzo di 20 carte. Ad ogni partecipante al tavolo di questo gioco venivano distribuite cinque carte e ogni puntata veniva effettuata sulla migliore mano. A partire dal 1834, si cominciò ad utilizzare il mazzo di 52 carte e nessuno mai più ha cambiato questa usanza.

Quando venne inventato il gioco del poker, di certo non c’erano le fiches per piazzare le puntate al tavolo: al loro posto, infatti, si utilizzavano degli oggetti che i giocatori portavano con sé come per esempio pepite d’oro, denti d’oro, monete e ogni altro oggetto di valore. Soltanto a partire dai primi anni del novecento hanno fatto la loro comparsa all’interno delle prime case da gioco terrestri le fiches prodotte in terracotta.

read more
ShareTweetPin0shares   Che si scelga di mettersi in gioco in una sala da poker reale ...
ShareTweetPin0sharesUna guida su come vincere a poker è ciò che serve a chi sta per ...
ShareTweetPin0sharesLe carte da poker sono quelle francesi, ma non basta conoscere questo ...
ShareTweetPin0sharesGuadagnare poker online è l’obiettivo di tutti coloro che si ...
ShareTweetPin0sharesI Video poker sono delle forme di intrattenimento che da sempre ...
ShareTweetPin0sharesIl Poker 5 carte è anche chiamato Poker Italiano o 5 Card Draw. È ...
© Copyright 2019. All rights reserved
© Copyright 2019. All rights reserved
shares